ALLA SCOPERTA DEL MULINO D’INFERSA

  • Mulino d'Infersa
  • Mulino d'Infersa
  • Mulino d'Infersa
  • Mulino d'Infersa
  • Mulino d'Infersa
  • Mulino d'Infersa

ALLA SCOPERTA DEL MULINO D’INFERSA

Un mulino maestoso e suggestivo, con una storia
secolare che prosegue ancora oggi. Completamente
funzionante e visitabile tutto l’anno.

Restaurato secondo lo schema costruttivo della prima generazione di motori eolici da Paolo Stampa, “Mastru Liddu”, uno degli ultimi maestri d’ascia trapanesi, il mulino d’Infersa è un vero e proprio capolavoro di archeologia industriale del 1500. Il mulino permette di “catturare” la forza del vento, che fa girare le pale ad un regime di 15/20 giri al minuto e che fa ruotare le macine a una frequenza di oltre 100 giri/minuto.

Gli ingranaggi in legno determinano la velocità di rotazione delle macine. Tutti gli ingranaggi del mulino sono realizzati "legno su legno". L'uso del ferro in salina è ridotto al minimo. Il sale è pur sempre un agente estremamente corrosivo dei metalli e del ferro in particolare.

Le pale o “ntinne” sono direttamente innestate sulla grande trave centrale (il “cilindro”) alla base dello "staso", in modo da alloggiare una pala su ciascuna delle sue facce. Nella seconda generazione di mulini trapanesi, di cui i mulini per il sollevamento dell'acqua della salina Ettore, restaurati e visitabili anch'essi, sono un esempio, le pale sono invece agganciate ad una piastra circolare di ferro solidale e coassiale al cilindro centrale, e giacciono quindi su un unico piano.

La macchina eolica, ruotando alla velocità di non più di 15/20 giri al minuto, sviluppa una potenza di oltre 100 cavalli. La sua massima velatura è di 60 metri quadri. Quando il vento, come sovente avviene in questa punta ventosa e asciutta d'Europa, supera i 20 nodi e il mulino, completamente invelato ,rischia di squassarsi, i salinari riducono le vele. Se poi soffia lo scirocco, infido e bizzarro compagno di molte giornate siciliane, i mulinari si guardano bene dall'armare il mulino, temendo che uno dei frequentissimi salti di vento possa danneggiarlo.

Visita del mulino d’Infersa, completamente restaurato e funzionante

approfondisci >

Passeggiata guidata in Salina, tra argini, muretti e tegole

approfondisci >

Indossare gli stivali ed entrare in salina sperimentando la raccolta del sale

approfondisci >

Sbarcare sull’Isola Lunga per un’esperienza di benessere tra natura e saline

approfondisci >

Assaggiare e degustare il sale marino in modo unico ed originale

approfondisci >

Dormire in salina, affacciarsi dal balcone e godere di una vista mozzafiato

approfondisci >

Info & Booking

In lavorazione

News & Blog

In lavorazione

PhotoGallery

Scopri attraverso la photogallery le immagini più belle delle Saline della Laguna ...

GUARDA LE FOTO